D come Disconnessione: la “Digital Detox” dello Smart Worker in 6 mosse

Eccoti lì che stai per chiudere il pc, ma poi arriva quella mail di lavoro e ti rimetti nuovamente sotto per tentare di risolvere la questione, alle otto di sera, mentre la famiglia si gode l’ultimo film degli Avengers!

Se questo trailer che hai appena letto è capitato di recente e più volte a te, al collega, all’amico, al marito, è perché non siamo costantemente “connessi”, parola che, come visto nell’articolo precedente, ci porta a pensare ad un contatto positivo con gli altri o con noi stessi, ma “iperconnessi” e “always on”, disponibili a ricevere e rispondere anche fuori orario a mail, messaggi, chiamate di lavoro!

E quella spina non la stacchiamo mai davvero!

E siccome sai che il tuo benessere è importante per noi, veniamo anche oggi da te con qualche piccolo suggerimento, stavolta per “imparare a disconnetterci” e a difendere la salute e il tempo libero, rimanendo produttivi sul lavoro!

 

  • Sii assertivo! Se sei un vero “si addicted”, impara a dire anche no quando è necessario! Dire dei no non significa fare terra bruciata intorno a sè, o non essere persone collaborative, ma rispettare anche se stessi e i propri bisogni e costruire confini necessari al proprio benessere.

 

  • Definisci le priorità e ricorda che non è tutto urgente! Ebbene si, nella lista infinita dei task che ci prefiggiamo di portare a termine, si celano attività che sicuramente possiamo posticipare!

 

  • Cerca di non strafare! Se lavori per tantissime ore, si abbassa il livello di creatività, efficienza e produttività!

 

  • Ricordati che esistono due superpoteri: la forza del gruppo e la delega! Se hai la fortuna di lavorare in un team, non farti problemi nel chiedere aiuto! Se sei alla guida di un gruppo, affida ai colleghi responsabilità e progetti, questo genera fiducia e, allo stesso tempo, snellisce un po’ la tua “listona” infinita!

 

  • Ogni 90 minuti di lavoro, prendi un momento per te stesso, non concederti una pausa solo dopo aver portato a segno l’ultimo task della lista (che, piccolo spoiler, non sarà mai l’ultimo!)

 

  • E poi, divertiti, goditi le ferie o il pranzo in famiglia, il viaggio che sognavi di fare in pandemia e il film della Marvel con i figli, la passeggiata con il tuo cane, esci fuori e respira a pieni polmoni le relazioni e i legami, la vita, lasciando, per un momento, indietro, in quelle occasioni, tutto il resto!

 

Come direbbe Dario Fo “La vita è una meravigliosa occasione da acciuffare al volo tuffandosi dentro in allegra libertà”.

 

Tag